Nella 35^ edizione della maratona di Firenze, disputata domenica 25 novembre 2018, la Scuola Atletica Krotoniate – SAKRO ha preso parte alla corsa con un gruppo corridori della squadra master.

In particolare tra gli atleti krotoniati sono arrivati i personal best per Luca Pugliese (03h09’27”) e Benedetto Coriale (3h19’04”). Al traguardo anche Diego Caratozzolo (03h19’08”).

Questa edizione della maratona fiorentina ha visto numeri da record. 7095 i partecipanti al nastro di partenza nella bella cornice del capoluogo toscano. Lonah Chemtai Salpeter, nonostante la pioggia, ha tagliato il traguardo come prima donna in 2h24’16”. Una prestazione straordinaria, nuovo record del percorso a Firenze (precedente 2h28’15”) e quarto tempo di sempre per una donna nelle gare disputate in Italia. A completare il podio femminile troviamo la keniana Caroline Chepwony in 2h30’46” e la ruandese Clementine Mukandanga con 2h30’59”. Nella categoria maschile vince Abdi Ali Gelelchu davanti al marocchino Hicham Boufars e al keniano Gilbert Kirwa.

Un’altro splendido evento quindi per la SAKRO che oltre al settore master continua le sue attività con particolare attenzione al settore giovanile.

Infatti, la Scuola Atletica Krotoniate intende consentire ai tanti appassionati della corsa di qualsiasi età di iscriversi e di prendere parte a un gruppo sportivo. Allenarsi, partecipare a gare ufficiali in Italia e all’estero, sostenendo l’attività fisica e un corretto stile di vita, invogliando le persone a fare sport e movimento per la salute e il benessere. Prossimo appuntamento in programma è la maratona di Valencia in Spagna.

Inoltre, a breve, la società krotoniate annuncerà ufficialmente i prossimi eventi sportivi di atletica che saranno organizzati in città nel 2019. In primis la corsa campestre che anche quest’anno, dopo la splendida organizzazione della scorsa stagione, porterà a Crotone il campionato giovanile Calabria Cross che con molta probabilità, per la prima volta in terra pitagorica, sarà abbinato al Campionato federale assoluto FIDAL.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *